Postato:

12 novembre 2016

Popolari venete: la mossa della disperazione

shutterstock_311788649

5.400 dipendenti per la Banca Popolare di Vicenza e 6.100 per Veneto Banca, distribuiti rispettivamente su 511 e 483 uffici (sportelli) a bordo di scialuppe di salvataggio in mare aperto che dipendono da un unico padrone: un fondo d’investimento atipico creato in tutta fretta da banche per il salvataggio di banche. La situazione di uno dei peggiori tracolli dell’industria bancaria sta precipitando. Solo un anno fa le due popolari venete si apprestavano con qualche apprensione alla trasformazione in spa e ad aumenti di capitale che sembravano difficili ma non impossibili. Una situazione che appariva sotto controllo e gestibile anche se problematica.

Da allora una serie interminabile di eventi negativi, partita con le dimissioni di Zonin, l’emersione di perdite gigantesche nel bilancio 2015, i due aumenti di capitale prima ritenuti fattibili, poi diventati impossibili nel giro di poche settimane, l’emersione di gravi irregolarità nel collocamento di obbligazioni e azioni nei conti della clientela e l’intervento salvifico del fondo Atlante a €0,10 per azione con una distruzione pressoché totale del valore rispetto ai prezzi artificialmente sostenuti dal precedente management. Vanno aggiunte le indagini delle procure, polemiche sulle mancate azioni di responsabilità verso gli amministratori e l’azzeramento del cda di Banca Nuova dopo pesanti perdite nella semestrale.

L’abisso in cui sono precipitate le due banche non ha fine. Le maxi-perdite registrate nel 2015 continuano nel 2016 perché i crediti inesigibili continuano a crescere a seguito di revisioni dopo revisioni, i clienti traditi e spaventati hanno trasferito svariati miliardi di depositi su altre banche nella paura di un fallimento o bail-in. L’attività di intermediazione registra un vero e proprio tracollo: insieme le due banche fatturavano 1 miliardo di margine da interesse a giugno 2015, un anno dopo solo 650 milioni, un meno 35% che non ha precedenti nelle storie di banche di questa dimensione.

PopVi-Veneto Banca margini 2015-16 1h

Gli aumenti di capitale sottoscritti da Atlante per 2,5 miliardi sembrano in larga parte già bruciati e si parla di nuove ricapitalizzazioni richieste dalla BCE per evitare la risoluzione forzata delle banche. Veneto Banca perde 259 milioni in 6 mesi e Vicenza ben 759 milioni. Di fronte a conti disastrati mentre gli AD Iorio e Carrus si prodigano in ottimismo  sulla ripresa delle attività, il proprietario delle due banche, Penati, usa un linguaggio più crudo: le due banche non hanno un business sostenibile “il cost-income ratio di una è del 103℅ e dell’altra del 97%. Non so che dire, una banca con quel cost-income ratio non può reggere“. In questa situazione di emergenza è maturata l’opzione di fondere le due banche, non perché sia la scelta commerciale più logica, bensì perché il salvataggio si fonda sul taglio dei costi, che possono essere tagliati solo con il pretesto della fusione. Ma anche questa scelta è dolorosa per il personale, crea violente reazioni nel sindacato e provoca le dimissioni del neo-presidente di Veneto Banca, fautore di una soluzione indipendente (al contrario del ‘collega’ Mion a Vicenza).

Perché la fusione non curerà i mali delle due banche

L’ipotesi di una fusione con tagli pesantissimi degli organici sta prendendo corpo in questi giorni e più che di sovrapposizione di sportelli si parla di tagli per abbattere i costi insostenibili con il calo dei ricavi. Sulla stampa sono apparse notizie di tagli di personale fino al 50% con interventi di decretazione d’urgenza del governo per creare quegli ammortizzatori sociali che sinora ha finanziato il sistema in modo autonomo. La sola ipotesi -che deve avere qualche consistenza- ha causato le dimissioni del presidente di Veneto Banca sostituito in corsa da Massimo Lanza.

La situazione reale delle due banche è tenuta in parte nascosta per evidenti motivi. Quello che è certo che entrambe sono gravate da un pesante carico di crediti deteriorati, quasi 17 miliardi al 30.6 di cui 50% sofferenze e 50% inadempienze probabili che diventeranno in quota parte nuove sofferenze come è già successo alle 4 Good Banks.

PopVi e Veneto Banca sofferenze+UTP 2015-16

Unire due banche semi-paralizzate, che bruciano capitale, ancora esposte a ingenti indennizzi per le cause legali promosse dagli azionisti non appare a prima vista la migliore soluzione per creare un’unica banca competitiva e sostenibile. La frenata sui ricavi del 1° semestre è macroscopica: -35% sul margine da interesse, -26% sulle commissioni, cali straordinari che riflettono la crisi. Entrambe hanno perso la fiducia dei clienti e hanno una forza lavoro in piena crisi d’identità preoccupata per il futuro. Difficilmente il livello di servizio alla clientela potrà non soffrirne. La fusione, reclamata da Mion e osteggiata dal navigato Anselmi, sembra una mossa disperata, forse l’unica possibile nel mazzo di carte servito ad Atlante a cui manca il tempo necessario a ristrutturare. Tuttavia la scelta è basata esclusivamente su un massiccio taglio dei costi, ipotizzati prima accorpando le due strutture e poi tagliando brutalmente tutte le duplicazioni a partire dalla rete filiali, esternalizzando quanto possibile delle attività non strategiche, riducendo ancora gli impieghi. L’operazione ha bisogno assoluto di tranquillità finanziaria ma purtroppo Atlante ha le polveri bagnate: potrebbe non essere in grado di sostenere un nuovo aumento di capitale da 1 miliardo e, se si impegnerà direttamente come promesso nell’operazione di cessione dei 27 miliardi di NPL del Monte dei Paschi, non potrà intervenire anche sugli 8,4 miliardi di Veneto Banca e Popolare Vicenza. Ulteriori versamenti di fondi da parte di investitori su Atlante, dopo lo sfogo di Guzzetti, sembrano improbabili. Sul fronte banche la chiusura netta di Carlo Messina (Intesa) che ha dichiarato di non avere intenzione di sprecare altri soldi per salvare concorrenti, i problemi di Unicredit, la fusione BPM-Banco Popolare chiudono le porte a nuovi interventi di sistema.
Se finanziariamente la fusione non fornisce alcuna certezza, sul piano operativo la ricaduta di un drastico taglio di strutture, razionalizzazione di sportelli, riduzione del credito alle imprese affidate da entrambe le banche, migrazione informatica di programmi obsoleti in filiale e in direzione è la promessa di un blocco operativo che nessuna delle due banche può permettersi in questo preciso momento. Per non parlare della totale sovrapposizione della presenza in Veneto e Friuli come evidenziato dal prossimo grafico che mostra 337 sportelli solo nel Veneto.

PopVi e Veneto Banca sportelli

Tutto quanto sommato porta chi scrive a pensare che senza un vero intervento esterno le due banche siano avviate a una inarrestabile agonia e risoluzione. L’intervento esterno ha mostrato sino ad ora che il valore percepito delle due realtà bancarie è pari al miliardo apparentemente offerto dai fondi Usa Atlas Merchant Capital, Baupost, Centerbrige e Warburg Pincus che significherebbe una perdita secca per Atlante che ha iniettato 2,5 miliardi. La sola alternativa ragionevole e ipotizzabile al momento è che Corrado Passera, respinto dal management di MPS, voglia spostare le sue ambizioni (e la liquidità dei fondi anonimi che sostenevano la sua offerta) dalla Toscana al Veneto.  Avrebbe a disposizione una delle regioni più industriali e ricche del paese, poche interferenze politiche e la chance di ripetere l’operazione Poste Italiane seppure in un contesto molto più complesso. Occorre liquidità, aumenti di capitale e tempo per avere il tempo di ristrutturare le due banche, una liquidità nelle mani dei fondi USA che non vedo come possano avere interesse per due banche regionali con costi uguali ai ricavi.  Se investiranno nella banca è solo per acquistare il biglietto esclusivo su quegli 8-10 miliardi di NPL che sono il vero obiettivo degli investitori. Dall’equity della banca i fondi si aspettano anche una ragionevole perdita, più che compensata dal ritorno sugli NPL.  Scomoda, amara verità che tra qualche anno sarà forse evidente.

 

immagine del post da Shutterstock ©

more

Ti potrebbe interessare anche :


  1. In presenza di una fusione (come descritto nell’articolo) in tandem con una digitalizzazione seria e strutturale dei servizi, dell’esperienza utente e dell’offerta commerciale, anche la nuova banca (emergente dalle due entità attuali) potrebbe diventare un attività profittevole e potenzialmente molto competitiva. Se poi diventasse un cavallo di Troia per riuscire a mettere le mani sugli npl, in tal caso potrebbe pure implicare un maggior premio in sede di acquisizione. Tutto questo richiede una visione che va oltre la sola ricerca di “sinergie” tipica dei processi di M&A tradizionali ma implica un disegno dell’esperienza bancaria a partire dalle fondamenta. Dove implementati bene, questi modelli stanno mettendo in crisi le banche in formato “old school”.

  2. Nessuno si rende conto che gli Illuminati vogliono quel che resterà ad ogni costo??
    Prima mettendo il Paese in ginocchio con l’economia alias banche e poi coi terremoti che oramai tutti sappiamo essere provocati artificialmente.Ma anche i Rothschild dovranno morire e lasciare tutto quaggiù, come tutti noi.
    Qualcuno provvederà

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.