Postato:

1 luglio 2015

Piattaforme in rotta verso le piccole imprese italiane

E’ da tempo che preannuncio su Imprese+Finanza la vulnerabilità delle banche italiane all’ingresso delle piattaforme fintech e dei grandi marketplaces dell’e-commerce. Puntualmente è accaduto da ieri. Curioso come in contemporanea due grandi player esteri, Amazon e PayPal abbiano annunciato l’intenzione di aprire sistemi di finanziamento e di servizio del commercio delle piccole imprese italiane:

Il servizio Amazon Lending lanciato nel 2012 fino ad ora era limitato al mercato Usa e Giappone. Entro quest’anno si espanderà in altri otto paesi: oltre all’Italia, c’è il Canada, la Francia, la Germania, l’India, la Spagna, il Regno Unito e la Cina. Paese del rivale Alibaba, di proprietà del miliardario Jack Ma, che offre già, infatti, un servizio simile. […]

Secondo alcune indiscrezioni, il servizio di Amazon offrirà prestiti da tre a sei mesi ai venditori terzi della piattaforma per un ammontare che va dai mille ai 600mila dollari. I guadagni arrivano da un doppio binario: gli interessi sui prestiti che vanno dal 6 al 14 per cento, e una garanzia dal rientro dei capitali sulle vendite effettuate tramite il Marketplace, lo spazio destinato ai venditori terzi che al momento rappresenta il 40 per cento delle vendite dell’intero sito di eCommerce. (fonte il Giornale.it)

Paypal si allarga dal mondo dei pagamenti a quello dei finanziamenti, era logico era prevedibile e chi ha pensato che l’Italia sarebbe stata esentata da questo attacco non ha compreso che la diffusione della micro impresa è proprio il terreno ideale per impiantare sistemi alternativi alla banca in un momento nel quale il rapporto tra banche e piccole imprese sul credito è ai massimi livelli di tensione:

PayPal lancia in Italia PayPal PassPort , un sito realizzato per informare e dotare le piccole imprese di strumenti efficaci per espandere le proprie vendite a livello globale. La piattaforma fornisce indicazioni specifiche per paese riguardo a picchi di vendita stagionali, come festività ed eventi particolari; abitudini culturali; tabù e tendenze; trasporto e distribuzione logistica; cambio valuta, commissioni, procedure doganali e tasse.  […]

Su PayPal PassPort è inoltre possibile acquistare e vendere modelli in tutto il mondo e attraverso i corridoi commerciali principali, offrendo una risorsa unica alle piccole imprese che stanno cercando di espandersi in nuovi mercati. La piattaforma dispone anche di uno strumento per la gestione del trasporto sofisticato ma facile da usare, che consente alle aziende di stimare in modo semplice e accurato dazi doganali, imposte e tasse internazionali per le spedizioni nella valuta da loro scelta.  (fonte La Stampa.it)

Come ho spiegato più volte, le banche italiane hanno sottovalutato la possibile minaccia nel settore finanziario da parte dei nuovi operatori, non hanno messo a punto una strategia collaborativa di alleanze e i progetti di co-marketing, come quello messo in moto recentemente da BNL-BNP e dalla sua banca online fanno sorridere o venire i brividi: condividere e consegnare ad Amazon i dati dei propri clienti è l’ultima cosa che una banca dovrebbe fare oggi.

Leggi anche:

Banche non basta un lifting contro i marketplace – 15.4.2015

Nuove banche: se non ora quando? – 21.2.2015

i Millennials hanno già condannato i dinosauri – 23.12.2014

Piccole imprese, banche e Amazon: come finirà? – 22.10.2014

Non andremo più in banca – Rivista Studio, 26.6.2015 di Marco Alfieri

 

Immagine: Shutterstock

more

Ti potrebbe interessare anche :


Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.