Postato:

3 settembre 2014

il settore servizi italiano è il grande malato

Sono stati pubblicati da Markit oggi gli indicatori per il mese di agosto che segnalano l’andamento e la probabilità di crescita nel settore dei servizi di diversi paesi europei. In un contesto europeo generalmente debole, i dati peggiori sono ancora una volta quelli italiani.

L’indice PMI italiano che arriva dai direttori acquisti delle imprese di servizi flette decisamente in agosto e torna sotto il livello 50 (49,8 contro il 52,8 di luglio) con le aspettative delle aziende ai minimi dell’anno.

Il settore terziario italiano assiste ad agosto ad un leggero calo delle attività, chiudendo il ciclo di espansione iniziato ad aprile. La ragione di tale indebolimento è stata la lieve flessione dei nuovi ordini, con la conseguente riduzione degli organici. Un altro aspetto negativo evidenziato dalla scorsa indagine è stato il peggioramento delle aspettative future delle aziende, che ha toccato i minimi valori finora raggiunti nel 2014. Altrove, gli indici dei prezzi hanno evidenziato altre spinte disinflazionistiche con l’ aumento più lento dei costi gestionali ed il forte calo delle tariffe nel corso del mese.

Un altro depauperamento significativo evidenziato da quest’ultima indagine è stato l’intensificarsi delle spinte disinflazionistiche. Ad agosto si è verificata la più rapida contrazione delle tariffe applicate in più di un anno, poiché le aziende hanno cercato di ammortizzare il calo delle vendite causato dalla contrazione della domanda. Sul fronte dei costi, anche l’inflazione è rallentata, sottolineando ulteriormente la decelerazione dell’economia.

Conclusioni che confermano purtroppo lo stato di grave debolezza di questo settore che comprende servizi finanziari e IT, trasporto, turismo e ristorazione largamente influenzati dalla domanda interna.

Germania

L’indice scende da 56,7 (luglio) a 54,9, ma la crescita nel settore rimane da 15 mesi consecutivi sopra la media di lungo periodo. Continuano a salire gli ordini al contrario di quanto sta avvenendo in Italia.

Francia

L’indice PMI dei servizi rimane stabile in Francia a livello 50 (50,4 in luglio, 50,3 in agosto), il tasso di crescita dei nuovi ordinativi è moderato ma in positivo.

Spagna

Il settore dei servizi è invece in forte crescita in Spagna, l’indice PMI passa 56,2 (luglio) a 58,1 in agosto segnalando il maggiore incremento dal 2006 e un passo di crescita continuo negli ultimi 10 mesi, come effetto di un aumento della domanda. La crescita è però accompagnata da una sostanziale debolezza nei prezzi e aumenti marginali nell’occupazione.

Mentre Confindustria reclama più attenzione e più supporto al settore manifatturiero, per aumentare il suo peso sul PIL, i settori pilastro dei servizi continuano a languire in un contesto di estrema debolezza e con poche soluzioni a portata di mano. Il settore dei servizi rappresenta il 70% del valore aggiunto e il 65% degli occupati in Italia.

Logico che questi dati che mostrano lo stato di prostrazione senza fine del settore servizi allontanino sempre di più il sistema finanziario dalla concessione di credito, che in parte si basa proprio sulle prospettive settoriali, alle imprese di servizi. Problema non trascurabile.

 

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , ,
Pubblicato in: economia

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.