Archive for maggio, 2014

30 maggio 2014

Magie a fin di bene

Magie a fin di bene

Questa volta l’ABI non si lamenterà del trattamento riservato alle banche italiane, come ha fatto più volte e anche di recente sottolineando tutte le penalizzazioni subite. Perché Draghi e Visco si sono messi una mano sulla coscienza e hanno allungato l’altra mano al convalescente sistema bancario italiano -che unico tra i paesi dell’euro trattiene ancora […]

more
29 maggio 2014

La moralità non può essere comprata né regolamentata

La moralità non può essere comprata né regolamentata

Incisivo e senza esitazioni il discorso pronunciato dal neo-governatore della Bank of England, il canadese Mark Carney alla conferenza su ‘Inclusive Capitalism‘ il 27 maggio. Da quel discorso, che potete ascoltare nel video di YouTube, alcuni passaggi che fanno riflettere. Certamente pronunciati da Carney pensando agli eccessi dell’investment banking globale, ma assolutamente applicabili alle banche […]

27 maggio 2014

Finalmente in Italia un codice d’onore sui pagamenti

Finalmente in Italia un codice d’onore sui pagamenti

E’ stata una delle battaglie combattute su questo blog sin dall’inizio. Quello dei pagamenti lenti e pure in ritardo sulla lentezza è sempre stata indicata come una piaga vergognosa nazionale e allo stesso livello di gravità del credit-crunch per le imprese, forse peggio se si tiene conto che molto credito viene ‘sprecato’ proprio per finanziare […]

26 maggio 2014

Sforzi lodevoli ma le PMI restano con le banche

Sforzi lodevoli ma le PMI restano con le banche

Molto inflazionato ultimamente l’uso del termine ‘allarme’ nei titoli dei giornali, per attirare attenzione soprattutto quando si parla del destino delle piccole e medie imprese. Nella serie degli allarmi sulle PMI è comparso qualche giorno fa anche un ‘allarme minibond‘ da parte dell’autorevole Sole24Ore che si esprime così: In Borsa è allarme minibond: dopo una […]

23 maggio 2014

C’è sempre meno da recuperare

C’è sempre meno da recuperare

Apro una terza finestra sul capitolo del credito deteriorato delle nostre banche, dopo avere mostrato alcuni segnali incoraggianti dai dati di variazione delle sofferenze del 1° trimestre e osservato la dimensione e i tassi di copertura degli incagli. La nuova osservazione è sulla possibilità di recupero di quei 160 miliardi di sofferenze di prestiti a […]

20 maggio 2014

Ora la sfida delle banche è disincagliare

Ora la sfida delle banche è disincagliare

Dopo avere commentato ieri i dati, positivi a prima vista, sull’andamento delle sofferenze bancarie, oggi un supplemento di indagine per focalizzarsi sulla seconda più importante componente dei crediti deteriorati, gli incagli.  Sulla carta si tratta di posizioni con un’elevata probabilità di recupero e di ritorno alle condizioni di solvibilità.  Invece in questi anni sono purtroppo stati […]

19 maggio 2014

La piena delle sofferenze sta defluendo?

La piena delle sofferenze sta defluendo?

Il segnale più positivo nell’andamento del 1° trimestre delle banche è parso essere l’indicazione diffusa di un deciso rallentamento dell’ingresso di nuove sofferenze. Non per tutte le banche, ma sicuramente per alcune delle principali. Il dato su cui si sono soffermate nelle presentazioni agli analisti di borsa è abbastanza singolare, ma significativo: l’ingresso a sofferenza […]

17 maggio 2014

Abbiamo sfiancato l’intero sistema economico

Abbiamo sfiancato l’intero sistema economico

Un paper pubblicato recentemente dalla Banca Centrale Europea sull’andamento dei vari settori a partire dalla crisi del 2008 si conclude con queste osservazioni: “La crisi economica e finanziaria globale ha provocato un periodo notevolmente turbolento nell’economia dell’euro area, che è sfociato in due recessioni a breve distanza e in assoluto in un periodo di bassa […]

14 maggio 2014

Liquidità e credito: confusione sugli obiettivi

Liquidità e credito: confusione sugli obiettivi

Leggo e mi appunto una nuova ondata di allarmi, reclami e richiami affinché il sistema bancario riprenda ad erogare credito alle imprese, le quali private dei mezzi finanziari sarebbero incapaci di sostenere la ripresa dei fatturati (dove sta avvenendo). In tutto questo non mi ritrovo, anche rispetto alle osservazioni quotidiane sui casi di piccole e […]

11 maggio 2014

Ripresa debole senza costruzioni e credito

Ripresa debole senza costruzioni e credito

Se la dimensione delle nostre imprese e il crollo della domanda interna sono emersi, dalla lettura dei due post precedenti, come alcuni dei principali fattori di debolezza dell’economia italiana, gli stessi fattori -forse moltiplicati- sono alla base dell’andamento negativo nel settore dell’edilizia e delle costruzioni.  Non è più possibile capire dove cominci il problema e […]