Postato:

25 marzo 2014

Draghi spiega la pulizia del sistema bancario

Un estratto dall’intervento del presidente della ECB, Mario Draghi “A consistent strategy for a sustained recovery” a Parigi oggi, in cui Draghi tratta in modo efficace e chiaro l’evolversi della crisi del sistema bancario

[…] Cleaning up the banking sector

Prior to the crisis, euro area banks had entered a rapid period of balance sheet expansion. From the start of that expansion in 2005 to its peak in 2012, banks assets increased by more than 60 percentage points of GDP. This was associated with the development of unsustainable bank business models. Banks relied too much on debt to finance their lending, and that debt depended too much on wholesale market funding and too little on deposits.

This model was only able to develop because of the perception of an implicit state guarantee for bank debt – a perception that reinforced the link between sovereign and bank risks that I described above. The deterioration of sovereign credit, on the one hand, and the clarification of the rules regarding bail-in of bank debt, on the other, have both helped to bring to an end a funding model that was neither desirable nor sustainable.

The euro area banking system is therefore now undergoing a process of restructuring and deleveraging. As this is a necessary correction, it is not a process that policymakers should seek to prevent. However, it is a process that needs to be properly managed.

Deleveraging can essentially take two forms: a “good” form and a “bad” form. The “good” type is where banks quickly carve out non-performing or non-core assets and raise equity, allowing them to restart lending to new, creditworthy clients. The “bad” type is where they sell good assets and hold on to non-performing assets in the hope that their value recovers. This tends to create so-called “zombie banks” and leads to a prolonged period of low credit growth. And this can be even more damaging if, due to fears about counterparty credit and liquidity hoarding, liquidity dries up and banks have to sell assets at distressed prices. Such an interaction of market risk and funding risk can cause a systemic crisis, with an outright credit crunch as the consequence.

Historical precedents suggest that – all other things being equal – a quick, “good” deleveraging tends to bring about an earlier recovery.

In the euro area we have largely avoided the worst form of deleveraging, thanks to ECB interventions to provide liquidity to banks at key moments of the crisis, notably our move to unlimited liquidity provision in 2008 and our two longer-term refinancing operations (LTROs) in late 2011 and early 2012. In this environment banks have made progress in deleveraging and restructuring. However, as late as last year there was still uncertainty as to the true extent and quality of this deleveraging. This was shown by persistent investor doubts about bank asset valuations, and low credit growth for the real economy.

It was in this context that the creation of the SSM became critical. The SSM provided a catalyst for the clean-up of the banking system to take place more quickly and more comprehensively than would otherwise have been the case.

Why was this? Introducing a joint supervisory framework requires us to conduct a thorough health check of bank balance sheets, using harmonised methods, so that any legacy issues are recognised, and that all banks enter the new supervisory regime with sound levels of capital and liquidity. We are currently conducting this comprehensive assessment in cooperation with national supervisors. To illustrate its scale, the total amount of risk-weighted assets (RWA) being reviewed amounts to €3.7 trillion, or just below 60% of total RWA for the 128 participating banks.

The nature of the assessment, which includes an asset quality review, is conducive to achieving the “good” type of deleveraging. It will shed light on the composition and valuation of bank assets, which ought in turn to trigger fresh equity raising where appropriate, and a carving-out of assets where necessary, either by selling to the market or via “bad banks”. Raising equity and strengthening balance sheets is in the long-term interests of bank shareholders, even if it implies an initial dilution of their claims.

In fact, the cleaning-up of bank balance sheets does not need to wait for the end of this assessment. The best outcome is one where banks are forward-looking and take any corrective action before the end of the process. And indeed, we have seen in many cases that banks have revised asset valuations, raised equity and disposed of assets. Bank balance sheets declined by around 20 percentage points of GDP in 2013 alone, partly in anticipation of the assessment. Increasing robustness has been mirrored in banks’ share prices, which increased by around 40% in 2013 relative to average market growth of 20%.

Over time, I expect this process, together with the new regulatory framework which is now being completed by the Basel Committee, to result in a euro area banking system with a more streamlined balance sheet structure and higher levels of capital. We should be wary of situations where bank assets are many multiples of GDP, as we saw in countries like Ireland and Cyprus before the crisis. Bail-in ability will likely also mean that senior unsecured bank debt plays a lesser role in the future relative to deposits. In other words, this will be a banking system that comes closer to its traditional role of taking deposits and making loans. However, a permanent shrinking of the banking system raises some questions about how finance will be intermediated in the euro area. If intermediation between savings and investment is taking place less through banks, then it must take place elsewhere, through capital markets.

Capital markets are already increasingly complementing banks in the euro area: as bank credit to corporates has fallen, it has been approximately matched by issuance of corporate bonds. However, the substitution is not perfect, in particular for smaller firms, for which it is more costly for investors to obtain adequate information. This means that, absent policy action, SMEs are at risk of losing some access to finance.

If we are to continue with a consistent set of steps to support the recovery, cleaning up the banking system therefore has to be accompanied by policies to facilitate the development of capital markets, especially for smaller firms. It is for this reason that we have frequently highlighted the importance of creating conditions that support capital market deepening, including by removing regulatory obstacles to the least risky models of securitization. […]

I punti chiave di questo passaggio dedicato alla crisi delle banche europee e al percorso con cui la Banca Centrale Europea intende rimettere in piedi un intero settore sono questi:

• dal 2005 al 2012 le banche hanno esagerato nell’attività di prestito, operando con modelli di business insostenibili, in bilico sull’eccesso di impieghi rispetto alla raccolta di risparmio, basandosi sulla fiducia di una disponibilità illimitata di fondi dal mercato all’ingrosso dei capitali. Un modello non auspicabile né sostenibile fondato sulla falsa certezza della garanzia di ultima istanza degli Stati sul debito delle banche. Giudizio piuttosto severo verso chi ha portato le banche in questo baratro.

• la correzione degli eccessi bancari andava fatta con un processo di deleveraging (riduzione della leva finanziaria) ‘buono’ e non basato su chi dimagrisce operando una stretta creditizia e aspettando che le sofferenze riprendano valore. Piuttosto diretto il rimbrotto a banche che hanno atteso troppo (e forse stanno attendendo ancora) la ripresa di valore dei crediti dubbi, le ‘zombie banks’ costrette a vendere le sofferenze a prezzi molto bassi.

• la BCE ha salvato una prima volta le zombie-banks immettendo ampia liquidità ma non intende farlo una seconda volta a gratis e quindi le banche devono passare per il crash-test dell’Asset Quality Review (AQR) e arrivarci in forma, non con un carico di sofferenze nascoste. E servono corposi aumenti di capitale.

• nel percorso verso il buon deleveraging le banche devono fare chiarezza nel portafoglio crediti deteriorati e anche costituire bad bank per cedere le sofferenze, anche prima dell’AQR.

• infine un richiamo ad accompagnare il processo di pulizia bancaria e di crescita con un chiaro sostegno ai mercati obbligazionari locali, che serviranno a finanziare imprese dove le banche non potranno più arrivare.

Non so perché ciascuno di questi punti sembra un richiamo esplicito alle banche italiane e indica che quanto è stato già fatto -a denti stretti- per classificare nuove sofferenze, fare accantonamenti straordinari e varare aumenti di capitale è stato frutto di una regia alta della BCE che le banche hanno dovuto subire e a cui stanno rispondendo in ritardo.

Notizia di oggi è la perdita di quasi 100 milioni di Veneto Banca nel bilancio 2103 causa sofferenze e rettifiche e la proposta di aumento di capitale di 500 milioni. Nel caso fosse servita un’altra prova delle parole di Draghi.

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , , , , , ,
Pubblicato in: banche
to “Draghi spiega la pulizia del sistema bancario”
  1. Draghi dice

    1) che i bilanci delle banche si sono ridotti del -20% solo nel 2013, ma in Italia sono aumentati e ora toccano i 4,200 mld,
    da dove lo legge che i bilanci aggregati sono calati ? Non in Italia, dove le banche tra l’altro non hanno mai ricevuto tanti depositi credo un altro +6% l’anno scorso

    2) che in cinque anni i bilanci delle banche erano esplosi del +70%…. e la BCE cosa faceva ? dormiva ?

    3) parla come se le banche abbiano problemi a finanziarsi con debito sul mercato, ma appunto i depositi sono aumentati, l’LTRO ha fornito 1,000 mld e stanno anche emettendo bonds. Dove è il problema di finanziamento ?

    4) Sembra che le banche abbiano problemi a prestare alle imprese perchè hanno crediti incagliati e sofferenze e allora perchè non gliele compra la BCE come ha fatto la FED nel 2009 ? In Italia sono 160 miliardi, la BCE le compra e il problema è finito, dopo non ci sono più scuse per non prestare. Una soluzione una tantum ? Costa meno che una depressione e la BCE stampa moneta se vuole a lei non costa niente, in Asia fanno così ad esempio

    5) per le piccole e media la soluzione non è cartolarizzare come dice Dragjhi, ma seguire il modelle germanico, dove il 70% del credito alle imprese viene da LandesBanken e Sparkassen, banche locali e regionali semipubbliche, non quotate in borsa, senza top managers con stock options, che hanno bilanci appena in pareggio e sono infulenzate da politici e associazioni di categoria locali

    • caro Giovanni,
      rispondo per quello che posso…
      1) deleveraging: il 20% è riferito al GDP non al valore assoluto, comunque è a livello europeo dove in alcuni paesi è stato fortissimo nell’area trading & investment banking. In Italia sono scesi gli impieghi in customer loans, salite le masse di depositi, scesa molto la raccolta obbligazionaria, saliti gli impieghi in portafoglio titoli di stato. Diciamo che è variato molto il mix e sceso nettamente il rapporto impieghi/raccolta, che era un punto di vulnerabilità con i mercati dei capitali chiusi alle banche italiane (quasi tutte).
      2) non so dov’era… forse sonnecchiava
      3) le banche hanno avuto e hanno ancora seri problemi a finanziarsi sul mercato, non tutti riescono a emettere bonds su euromercato e sono scese le obbligazioni collocate alla clientela. Il problema di funding è stato drammatico in alcuni momenti, lo è ancora per alcune banche e questo spiega perché i mutui sono drasticamente calati. Senza certezza del funding come fai a fare mutui a 25-30 anni?
      4) L’EU ha aiutato la Spagna a farlo, che lo ha fatto (vedi il post su ‘el banco malo’). Qui in Italia siamo stati sufficientemente arroganti e falsi dal negare di avere un problema sofferenze come quello spagnolo (invece ho sempre creduto che non siano molto diversi, magari diversi nella natura) e quindi respingere l’ipotesi della bad bank. Inoltre il problema era e rimane che se cedi le sofferenze con garanzia al prezzo del 25-30% del valore di libro e hai svalutato solo il 40-50% come fai a sostenere la minusvalenza (perdita) in bilancio? Ecco perché in Italia si è cercato di credere che non ci fosse bisogno. Ora il Re è nudo (vedi bilanci 2013 già usciti).
      5) abbastanza d’accordo se non fosse che anche le piccole popolari e le BCC non godono tutte di buona salute (vedi la lista delle banche commissariate), diverse si sono bruciate il bilancio finanziando male gli amici locali (Banca Marche) e certamente sono cooperative ma non semi-pubbliche. Per questo oggi il sistema spera in una dose massiccia di garanzie statali da Cdp. Si faranno cartolarizzazioni ma non cambierà molto la partita del credito.
      FB

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.