Postato:

2 marzo 2012

Export, chi dorme piglia pochi affari

Aspetto ogni giorno da settembre (vedi ‘L’inutile pasticcio dell’ICE‘) qualche novità sull’Agenzia dell’Export, che deve rinascere sulle ceneri dell’ICE, ma ancora non è successo nulla.

Non è che gli altri paesi stiano ad aspettarci, in un mondo che cresce sempre meno la lotta per la conquista degli spazi commerciali sui mercati maturi, emersi ed emergenti è un affare di Stato. Perciò vi propongo di guardare questo breve video, in cui il ministro per il commercio estero in persona racconta cosa sta facendo e cosa farà la Gran Bretagna all’interno di un programma pubblico e leggibile che si chiama ‘Trade & Investments for Growth White Paper‘ con cui il governo britannico vuole spingere oltre 50.000 PMI a conquistare mercati esteri. Esattamente come da noi in Italia.

Ci sono tante cose da fare per questo governo, ma direi proprio che su questa ci si debba dare una mossa.

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , , , ,
Pubblicato in: economia
to “Export, chi dorme piglia pochi affari”
  1. Caro Bolognini,
    sulla rivista ULISSE dell’Alitalia di gennaio c.a. a pg.62/63, viene pubblicizzata l’interessante iniziativa della Unioncamere per la certificazione di “Ospitalità Italiana” per i ristoranti italiani estero. Iniziativa a cui hanno aderito oltre alle Camere di commercio, i Mininsteri Esteri, Turismo, Attività Produttive, Beni Culturali, Politiche Agricole, Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Federalimentari e Fipe.
    Lo stesso comunicato, informano che :
    …” ben 3 prodotti alimentari su 4 sono falsi made in Italy . Con queste premesse si capisce bene quanto è importante riconoscere e certificare l’italianità delle nostre imprese all’estero; basti pensare che i maggiori concorrenti dei ristoranti (autenticamente) italiani sono proprio i ristoranti falsamente italiani”…
    Ripetono quanto già anni fa aveva promosso On. Gianni Alemanno quand’era Ministro Agricoltura, a dimostrazione che non c’è continuità, non c’è controllo, non c’è strategia.
    In questo constesto, mi è gradito riporoporre il l mio vecchio progetto : “V.I.E. Vetrine Italiane Estero”, di grande attualità, ed in armonia con le varie agevolazioni riservata alle Reti Associative d’Impresa.
    Cosa fare per attirare l’attenzione de ministro?
    Cordialmente

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.