Postato:

21 dicembre 2011

Spagna-Italia: duello anti-crisi

La correlazione tra la crisi del debito spagnolo e quello italiano è oggi una misura di riferimento, anche per giudicare l’efficacia delle ricette anti-crisi adottate nei due paesi che hanno forse più somiglianze che differenze nei problemi da affrontare. sarà che l’erba del vicino è sempre più verde, ma le ampie riserve che sono emerse sulla composizione della manovra italiana -fatta al 75% da aumento di entrate fiscali- si acuiscono se paragonata a quella proposta dal nuovo premier spagnolo, Mariano Rajoy. Una proposta che è stata commentata esaustivamente nel blog di Gustavo Piga con l’articolo “Le furie rosse battono gli azzurrini per 4-0” che Vi riporto di seguito:

Che sta succedendo allo spread tra la Spagna e l’Italia? Ha toccato ieri un massimo storico sfavorevole al nostro Paese, di 166 punti base. Eppure a fine giugno eravamo noi a essere considerati dai mercati meno rischiosi, di 60 punti base, 0,6%. Da agosto, quando lo spread si è annullato, è stato un lento ma inesorabile crescere della rischiosità dell’Italia rispetto alla Spagna.In realtà le cose sono andate momentaneamente meglio quando è arrivato Monti, e lo spread è sceso a soli 22 punti base. Era il 21 novembre e Monti aveva conquistato, o così sembrava, i mercati. Era anche il giorno in cui Rajoy vinceva, con il suo partito conservatore, le elezioni in Spagna, senza convincere troppo tuttavia.Da quel giorno il ricordo della luna di miele con il Professore della Bocconi sembra essere sbiadito nella memoria di breve termine dei mercati. Mentre sempre più entusiasmo ha suscitato Rajoy. “Vendi Italia, compra Spagna!”, era probabilmente l’urlo che ha riempito le trading room di molte banche. Sta di fatto che i numeri parlano chiaro: da 83 punti base il 5 dicembre a 111 il 14 a 166 il 19, il giorno del discorso programmatico in Parlamento di Rajoy.Ora, certo, i mercati sono volatili e cambiano rapidamente opinione. Ma mi sono fatto un’idea, anzi 4 idee, sul perché le politiche annunciate da Rajoy hanno convinto i mercati ben più di quelle di Monti. E tenete conto che non è vero che le cose son più facili da farsi in Spagna perché il debito su PIL è poco più della metà di quello italiano. La disoccupazione, potrei ribattere, spagnola è quasi 3 volte quella italiana. Questa idea me la sono fatta leggendo, nel mio spagnolo pasticciato o inesistente, il programma presentato dal nuovo leader spagnolo.

Primo asso nella manica di Rajoy (che Monti non ha sinora): una stabilità fiscale raggiunta, sì, ma con calma, entro il 2020. Il che consente di essere meno recessivi in un periodo nero dell’economia. Ci saranno meno tensioni sociali, più crescita del prodotto e dunque più spazio credibile per riforme (che, come sappiamo, ma alcuni fanno finta di dimenticare, hanno bisogno di ossigeno per affermarsi e sopravvivere). I mercati certamente amano questo.

Secondo asso nella manica di Rajoy: Rajoy ha fornito non solo un programma, ma un piano (coraggioso direi), a 360 gradi che cerca di aiutare tutte le classi sociali e di affrontare tutti i temi ancora aperti nell’agenda riformista: istruzione, spesa pubblica, export, energia ecc… Così facendo ha dato un chiaro segnale che conosce la macchina amministrativa spagnola e può condurla con fermezza verso nuove sfide e miglioramenti. Non basta. Ha anche dato un senso di direzione al suo paese, che è fondamentale per generare ottimismo. E’ un politico, certo, che ha come obiettivo quello di essere rieletto. E dunque che ha l’incentivo a fare la cosa giusta per i suoi elettori, cioè politiche volte alla crescita. Mercati sempre più felici.

Terzo asso: Rajoy chiaramente mostra di avere a cuore la coesione sociale all’interno del suo Paese. Le pensioni per i meno abbienti sono l’unica cosa per cui ha chiesto di poter aumentare la spesa. Le riforme del mercato del lavoro, dopo averle discusse con i sindacati, dovranno andare nella direzione di maggiore tutela dei lavoratori e nel contempo di aumentare l’occupazione. Tutto ciò crea un clima favorevole di relazioni industriali e dunque di maggiore stabilità. Mercati in visibilio….

Quarto asso: Rajoy chiaramente mostra di dare grande peso all’obiettivo di migliorare la qualità della mano pubblica. Indica gli sprechi negli acquisti di beni e servizi come un qualcosa da tagliare, anche tramite il ricorso alla centralizzazione degli appalti. Tagliare gli sprechi non genera recessione, perché apre lo spazio e crea le risorse per finanziare invece domanda pubblica espansiva. Anche qui: più crescita, subito.Non mi stupisce francamente che i mercati premino la (promessa) crescita con stabilità credibile e non la stabilità poco credibile perché carente di crescita. E voi?

Che i mercati finanziari abbiano espresso una loro opinione sulla differenza in prospettiva fra la ricetta spagnola e quella italiana lo dimostra il grafico sullo spread tra titoli di stato italiani e quelli spagnoli, pubblicato su La Voce.info

Dalle dichiarazioni più caute del primo ministro Monti e più estroverse del ministro dello Sviluppo Passera si potrebbe dedurre che della manovra italiana si sia visto solo il primo tempo, quello necessario a spegnere i focolai di incendio accesi sul rischio-paese Italia, e che nel secondo potranno comparire nuove misure per la crescita e nuove riforme. Sarà, ma sono in molti -compreso il sottoscritto- a domandarsi perché non si sia approfittato del momento per varare riforme aggiuntive ma soprattutto per comprimere pesantemente i costi dell’apparato pubblico e destinare i proventi alla crescita. L’unica risposta che posso darmi è che la squadra di tecnici non ha avuto tempo per prepararsi all’esame, mentre Rajoy e il suo partito hanno avuto mesi da quando Zapatero ha gettato la spugna e preparato il paese alle elezioni.

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , , ,
Pubblicato in: economia

Leave a Reply