Postato:

15 novembre 2011

La banca delle idee

La banca delle idee non esiste, non deve sottostare a regole di vigilanza sul Tier1 e non ha sportelli né dipendenti da rendere efficienti. E’ solo un posto dove depositare idee, proposte o buoni esempi trovati magari in altri paesi che potrebbero trovare un applicazione anche in Italia.

La banca delle idee di Imprese+Finanza apre con un’iniziativa scoperta in UK e proposta dalla HSBC per le PMI inglesi. Si tratta di uno schema che incoraggia i finanziamenti alle piccole imprese che vogliono investire e creare occupazione sostenibile, con particolare attenzione a quei settori che lo Stato vuole (o deve) abbandonare per passare la mano al settore privato.

Lo stato inglese agevola lo schema finanziario previsto dalla banca attraverso i fondi messi a disposizione dal REGIONAL GROWTH FUND, in questo caso 25 milioni di sterline che all’interno dello schema disegnato da HSBC (“Assisted Asset Purchase Scheme”) possono costituire un contributo a fondo perduto sino al massimo di £500.000 per ciascuna operazione di investimento in attrezzature. Gli investimenti, che generano nuovi posti di lavoro beneficiano dei fondi statali con un rapporto di £25.000 di grant per ogni posto di lavoro permanente che verrà creato.

Lo schema di finanziamento è riservato a imprese con fatturato massimo di £25 milioni e, come già detto, alle sole operazioni d’investimento che creino nuovi posti di lavoro, con il controllo del Regional Growth Fund.

 

Chiunque abbia altre idee o esempi da depositare in questa banca, sappia che troveranno pubblicità e verranno offerte gratuitamente al nostro governo, che mi sembra abbia bisogno anche di quelle per soffiare il fuoco della crescita.

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , ,
Pubblicato in: banche

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.