Postato:

1 agosto 2011

Strategie anticrisi e Reti

Scorrendo la ricerca ISPO già citata oggi nel post “La tempesta non è passata” mi sono imbattuto in alcune informazioni di una certa importanza riguardo al tema delle aggregazioni e delle Reti di Impresa, come fattore strategico per uscire prima e meglio dalla crisi.  Spero che il campione delle 500 PMI scelte da ISPO sia sbagliato o non rappresentativo, ma i risultati su questo fronte sono deludenti.

Tra le scelte strategiche adottate dalle PMI della provincia di Milano fare rete con altre imprese tocca solo il 10% degli intervistati.   A monte bisogna dire che la reazione delle imprese alla crisi non appare brillante a giudicare dalle risposte fornite, perché addirittura il 53% ha dichiarato di non avere adottato alcuna strategia anticrisi, forse soddisfatta della propria situazione o forse paralizzata dagli eventi e incapace di reagire. Tenendo conto che l’84% del campione ritiene che la crisi non sia passata, il fatto che più di una impresa su due non abbia fatto scelte strategiche è preoccupante.

 

Numeri poco lusinghieri per la scelta dell’aggregazione tra quelle adottate per contrastare la crisi: il 3% lo ha adottato come scelta, il 7% pensa di volerlo fare, il 90% circa non sta neppure prendendo in considerazione l’idea.  Lungi dal pensare che entrare in una rete tra imprese sia la panacea di tutti i mali, o la soluzione anti-crisi per eccellenza, ma tenendo contro dello stato comatoso della nostra economia, dei problemi ora evidenti del nanismo imprenditoriale il fatto che 9 imprese su 10 non sentano bisogno di collaborare con altre imprese mi lascia perplesso e mi fa riflettere sulla componente individualistica delle nostre PMI. La ricerca è dell’aprile 2011, quindi molto attuale.

 

 

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , ,
Pubblicato in: Reti di Imprese

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.