Postato:

12 luglio 2010

Saggezza Viola

Fabrizio Viola, AD BPER

Tracce di saggezza e pragmatismo nell’intervista di S.Bocconi apparsa ieri sul Corriere della Sera a Fabrizio Viola, AD della Banca Popolare dell’Emilia Romagna sul tema a noi caro dei finanziamenti alla piccola impresa e dei pagamenti tra le imprese che si incrocia con quello della crisi d’impresa
Viola, uno dei manager bancari meno appariscenti ma più solidi, dice a proposito dei criteri di concessione del credito alle imprese: “…il merito di credito non è più individuale, la decisione dipende anche dagli effetti sulla competitività del settore. Una scelta sbagliata può danneggiare imprese sane…nella ceramica ci sono imprese che stanno superando la crisi e altre che rischiano di sparire. Perciò valutiamo spesso soluzioni definibili di sistema, con interventi di filiera, cercando di rispondere alle esigenze di liquidità e di finanza valutandone le ‘sorgenti‘, verificando per esempio se queste non siano legate a politiche di pagamento adottate dalle imprese più grandi.”
Un concetto esposto in modo un po’ tecnico e non del tutto trasparente forse per evitare accuse specifiche, che noi interpretiamo così: ‘la banca finanzia piccole imprese (che hanno la capacità di superare la crisi) dopo avere studiato la filiera industriale e capito che il problema deriva soprattutto dal ritardo nei pagamenti delle imprese più grandi della filiera’.

Se abbiamo capito giusto, questa è la strada corretta, per analizzare in profondità i fenomeni che legano la finanza delle PMI; se questa è la strada occorre solo fare in modo che in banca ci siano tutte le competenze e gli strumenti per analizzare le filiere. Non è una scelta semplice, diciamocelo, e non può avvenire solo nella BPER.

more

Ti potrebbe interessare anche :


TAGS: , , , ,
Pubblicato in: banche, PMI

Leave a Reply

Twitter Users
Enter your personal information in the form or sign in with your Twitter account by clicking the button below.